Antonio Errigo
27/01/2013
Commenti
foto

Buongiorno amore. Il volo è alle otto. Devo scappare in aeroporto.

Ricordati di passare a ritirare il quadro… non mi piace quella parete vuota.

Ricordati anche che oggi è l’ultimo giorno per la bolletta della luce.

Ma ricordati anche che:

 

non mi piacciono gli elenchi. Con te evito di fare gli elenchi…

Non mi piacciono i programmi. Con te evito qualsiasi programma…

Non amo le liste. Da quando sto con te non scrivo più liste.  Degli appuntamenti. Della spesa. Delle priorità della mia vita.

Ebbene sì amore.  Mi vergogno un po’ a dirlo ma, prima, io scrivevo su di un foglio un elenco, un programma e una lista delle mie priorità…

 

1. Innamorarsi, entro l’anno …

2. Amici. Ricorda i compleanni e i loro anniversari…

3. Lavoro. Devo essere il primo ad entrare e l’ultimo ad uscire…

4. Pomodorini, zucchine, sale … bagnoschiuma e dentifricio.

 

 

Ma dopo sei arrivata tu.

E non ho elencato più nulla. Non ho fatto più programmi. Nessuna lista.

 

Da quando ci sei tu ho cominciato ad ascoltare le canzoni. Ma per davvero…

Le canzoni non si ascoltano mai bene.

Nessuno legge mai il testo. Nessuno cerca mai di comprendere le parole. Chi si ferma a cogliere le intonazioni e le intenzioni ?  Pochi…

 

Si canticchia. Si storpiano le frasi. Un fischiettio…

 

Ma tu ora sei con me.

Ed io ho smesso di mettermi in posa per le foto…

Oh ragazzi, ma perché ci si mette in posa per fare una foto?

Amore, a me piacciono le nostre foto scattate per caso. Il tuo sorriso rubato. Vero. Quando vieni con gli occhi chiusi e sei brutta. E ridiamo io e te. Quando scatto proprio mentre stai per urlare “aspetta… aspetta…”.

 

A me piace stare in ascensore con te e fare le smorfie allo specchio. Con le buste pesanti tra le mani.

Con te, per strada. Con te, in macchina. Soli. In silenzio. Mano nella mano, mentre passa “November rain”…

 

Con te ogni esclamazione è secca e diretta. Ci sono tante domande. Ma le risposte no. Ce le diamo dopo, dopo due giorni. Dopo una settimana. Forse mai. Ma le domande… sono mie e tue.

 

E poi con te un sorriso è un sorriso.

Una lacrima … passa e se ne va.

 

Mi piace il nostro armadio. Il nostro appartamento. Mi piace giocare ad “obbligo o verità” con te. Non ci saranno mai né troppi obblighi… né verità. Perché tu sei bugiarda… ma il bello è che tu sai che io lo so. Sono le tue gote a dirmelo. E rido. Perché tu di me ti fidi.

 

Da quando ci sei tu mettiamo su la moka al mattino. Prima era “scusi posso avere un espresso ?”.

Ma l’espresso al bar fa schifo nove volte su dieci.

Con la moka è buono solo perché nove volte su dieci lo fai tu, che non sai mai dosare  bene né l’acqua né il caffè. Ma è buono amore …

 

Con te me ne frego del passato e del futuro. Accetto il presente.

Il presente non si accetta quasi mai.

E lo sai perché lo accetto? Perché tu… sì, tu ti alzi sulle punte e mi avvolgi le braccia al collo ogni volta che vuoi baciarmi. E sei sexy quando lo fai…

 

 

 

Buon Lunedì amore.

 

Oggi la moka l’ho messa su io…

 

 

 

 

 

 

[Foto by ANTONIO ERRIGO]

COMMENTI: