Antonio Errigo
09/02/2014
Commenti
carlotta
      Avrei evitato un cliché, per poi inciampare di sicuro in un altro…   Probabilmente avrei fatto in modo di farmi venire a prendere. E ti avrei aspettato giù. Perché mi piace vederti arrivare, mi piace vederti guidare e sapere già che il tuo stereo passa sempre il solito cd sul quale tu canti a memoria tutte le parole.     Ti avrei chiesto come stai. E non mi sarei accontentato del “bene, grazie”, ma mi sarei aspettato una risposta vera. Pensaci, nessuno mai ci chiede come stiamo. ...
LEGGI L'ARTICOLO
26/01/2014
Commenti
foto
BRUXELLES, 26 gennaio 2014, ore 19:00     Ho appena ricevuto gli auguri di un’amica e, considerando che 30 anni fa sono nato alle ore 20:00, stavamo ragionando assieme su come poter impiegare quest’ultima ora da “ventenne”. Non so: uscire e ubriacarmi, dare una pacca sul culo a una ragazza, provocare una rissa, suonare ai citofoni e scappare, farmi arrestare e farmi rilasciare su cauzione… Poi non ci siamo accordati su chi avrebbe dovuto pagarla ‘sta cauzione e, dunque, ho preferito ripiegare su queste ...
LEGGI L'ARTICOLO
03/01/2014
Commenti
foto
    Mi piacciono le carezze. Quelle inaspettate.   Non ne ricevo più molte. Ma quella, forse, è una scelta…   Una carezza va oltre la meccanica del sesso. Oltre il coraggio di un bacio o l’evidenza di un amore. La carezza è persuasione. È sicurezza. Credo sia la più grande verità. Ecco perché ne ho bisogno. Per avere un pizzico di verità.     E sì, perché senza una carezza è tutto immensamente vuoto.   Le carezze le fanno le persone che ci sono, ma soprattutto quelle che vogliono rimanere nella nostra ...
LEGGI L'ARTICOLO
17/12/2013
Commenti
bruxelles
      Avete mai provato quella sensazione di aver qualcosa da dire e non riuscire a farlo mai nel modo giusto?   Beh, quello è il mio tarlo. Il mio vuoto.   Viviamo in un’epoca immediata. Dove siamo pronti ad uccidere per due tacche di wi-fi. Dove il costante desiderio di essere accettati dagli altri è targato 2.0. Dove è possibile etichettare tutto e tutti anteponendo un semplice cancelletto. Ed ecco che, quelli che ci appartengono, non sono più i momenti migliori della nostra vita, ma ...
LEGGI L'ARTICOLO
05/12/2013
Commenti
bo
    Ci sono canzoni che sono profumi. Che sono carezze. A volte pugni.   E ci sono sere in cui ne basta una per fare “tonf!” … e sprofondare in un mare di ricordi. E tu t’imponi di non vivere di ricordi. Ma che se poi quei ricordi sono la parte più bella della tua esistenza… beh, lì te ne fotti di quello che “t’imponi” e per quattro minuti, quattro, chiudi gli occhi e torni indietro.   Torni a quelle scene, a quel teatro che la ...
LEGGI L'ARTICOLO
1234510