Antonio Errigo
06/02/2013
Commenti
Immagine 1436

Viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare… Ma perché dovrei farlo? Valigie pesanti. Binario 10. Anzi no, comunicano il cambio. È il binario 13. Corri, sottopassaggio. Gente dappertutto. Che palle. Decolli e atterraggi. Imbarchi e sbarchi. Controlli … togli le scarpe, la cintura, l’orologio. Rimetti le scarpe, la cintura, l’orologio. E poi ‘sti qui… ma chi sono? Perché non mi capiscono?! Ma che lingua è questa?! In nave poi… il mal di mare. In macchina… il mal di macchina. I soldi… hai cambiato i soldi? Ma chi me lo fa fare? Perché … Perché dovrei farlo?

 

Perché non c’è altra possibilità…

 

Viaggia, perché non c’è cosa più bella.

 

Viaggia, non andare in vacanza. Viaggia.

 

Viaggia, perché tanto ritornerai sempre a casa tua. Prima o poi.

 

Viaggia, perché la sensazione di non sapere cosa mettere in valigia è bella. Ti costringerà a riflettere su cos’è indispensabile e cosa, invece, è superfluo. È quasi tutto superfluo…

 

Viaggia, perché conoscerai qualcuno in aeroporto, sul treno o sulla nave. E potrebbe essere per sempre…

 

Viaggia, perché se non lo farai la tua vita sarà incompleta.

 

Viaggia, perché se non ti perdi non ti troverai mai. Banale. Banale e vero.

 

Viaggia, perché almeno una volta nella vita bisogna fare l’autostop. Viaggia, perché almeno una volta nella vita devi avere paura… e devi stringere il tuo zaino al petto

 

Viaggia, perché lascerai delle orme e su quelle orme ci cammineranno i tuoi figli. E sarà più facile per loro…

 

Viaggia, perché i continenti sono cinque e tu ne stai occupando solo uno.

 

Viaggia, perché potrai raccontarlo. E tutti viaggeranno con te. E io sarò il primo a voler ascoltare la tua storia.

 

Viaggia perché Madagascar non è un cartone animato…

 

Viaggia, perché al mondo esistono le isole artificiali di Palm Islands. Pensa. Ma esistono ancora le capanne e le tribù amazzoniche. Pensa…

 

Viaggia perché solo così potrai ritrovare quel tratto di umiltà che hai perduto.

 

… Viaggia…

 

 

 

 

 

 

 

[foto by ANTONIO ERRIGO]

COMMENTI: